Dai lavoratori della scuola e dei trasporti due milioni di no al governo delle destre liberiste

cortei_rabbia(ANSA) – ROMA, 23 OTT – Cobas, Rdb e Sdl  hanno promosso stamani un grande sciopero generale per ottenere il blocco dei licenziamenti e il ritiro della riforma Brunetta sulla pubblica amministrazione.

Sono stati circa due milioni, in base alle prime stime diffuse dal Patto di base, i lavoratori che oggi hanno incrociato le braccia. ‘Molte le scuole e gli uffici pubblici rimasti chiusi, pesanti i disagi nei trasporti, nonostante il naufragato tentativo di Matteoli di impedire lo sciopero nel settore‘, si legge in una nota congiunta. Secondo i sindacati, e’ stata impedita di fatto la partecipazione al corteo del trasporto aereo.

Difatti con l’ordinanza n.163T il Ministro Matteoli ha imposto ai lavoratori del Trasporto Aereo la riduzione a sole 4 ore, dalle 12.00 alle 16.00 del 23 ottobre prossimo, dello Sciopero Generale di 24 ore proclamato per tutte le categorie pubbliche e private dal Patto di Base (RdB, SdL Intercategoriale, Confederazione Cobas).

Mentre anche Tremonti si converte allo stato sociale, dopo che il governo ha fatto di tutto per smantellarlo, e riscopre  l’importanza del posto fisso, la crisi economica vera, quella industriale si fa sentire con l’aumento della disoccupazione e con le previsioni di un ritorno alla “normalità” molto lunghe nel tempo : si parla del 2016-17.

Il governo si sottrae alle responsabilità non facendo assolutamente nulla per l’occupazione, secondo le linee guida liberiste ormai sconfitte dappertutto, non tagliando le tasse sul lavoro e regalando miliardi agli evasori ed alla criminalità con lo scudo fiscale.

Tagli allo stato sociale anche nella istruzione e nella ricerca mentre preannuncia altri regali alle imprese con il taglio dell’IRAP.

Quindi ci aspettano anni di crisi nera e sarebbe già un buon risultato se almeno una parte della sinistra cominciasse a capire  che il vero volto becero e classista di questo governo  è quello delle politiche antipopolari ed antisociali…

Intanto i media come al solito non danno motizia delle lotte sociali  che avvengono ormai quasi quotidianamente in tutta italia ( vedi qui a tale riguardo ) la necessità di una controinformazione che superi il silenzio di tutta la editoria di regime si fa sempre più forte e pressante.

Torba di Gramigna

Annunci

The URI to TrackBack this entry is: https://torbagramigna.wordpress.com/2009/10/23/dai-lavoratori-della-scuola-e-dei-trasporti-due-milioni-di-no-al-governo-delle-destre-liberiste/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: